venerdì 7 settembre 2007

Partita Iva e Blog

Trovata nei feed stamattina:

Sul web la Partita Iva è d'obbligo, (per chi ce l'ha), ovunque e comunque, anche se non si fa commercio elettronico, anche se non è così facile risalire al "proprietario" (come sul blog?), basta che sia collegata ad una attività.

Ora, sul mio sito di studio c'è da tempo, sul blog personale non la metterò, ma qui penso proprio di aggiornare .... giusto perchè non voglio nè posso permettermi di rischiare un contenzioso con "sanzioni amministrative (da 258,23 a 2.065,83 euro)".
E poi, se fosse il Codice Fiscale, che si può risalire all'età ... ma la Partita Iva è "innocua"!

3 commenti:

Felter Roberto ha detto...

Non è detto che tu debba per forza pagare la multa.
leggi qua:
http://www.shinynews.it/diritto/0606-iva-web.shtml
In ogni caso ci sono anche dei bei rischi a metterlo. (vedi truffe a tuo carico ecc.) per cui io, visti anche i controlli in merito praticamente nulli, consiglio di non metterlo. (Ovviamente chiarendo che non si sta rispettando una normativa di legge).

Elena T. ha detto...

Il fatto è che i controlli sono cominciati di recente, e sta pur certo che dopo la Liguria ci sarà qualche altra regione che vorrà seguire l'esempio ...

Ashutosh ha detto...

In this comento, ogni caso ci sono anche dei bei rischi a metterlo. (vedi truffe a tuo carico ecc.) per cui io, visti anche i controlli in merito praticamente nulli........

----------------------------

ejaz

What is an IVA